DECIMO ANNIVERSARIO MORTE MONS. ALFIO COCO PDF Stampa E-mail

 

VIDEO SULLA VITA DI MONS. ALFIO COCO

 

 

Una celebrazione eucaristica e l’intitolazione di un vico di Acitrezza per ricordare monsignor Alfio Coco nel decennale dalla sua scomparsa


Nel decimo anniversario dalla sua scomparsa, Acitrezza ha voluto ricordare il suo storico parroco monsignor Alfio Coco con una solenne celebrazione eucaristica e l’intitolazione di un vico.
 La giornata di martedì 15 marzo per la comunità parrocchiale trezzota ha rappresentato un momento particolare che gli stessi fedeli, guidati dall’attivo parroco don Giovanni Mammino, hanno voluto preparare con grande dovizia di particolari ma soprattutto con immenso amore per un pastore che per oltre cinquant’anni ha svolto il suo ministero sacerdotale nel borgo marinaro.
 Dieci anni fa, il 15 marzo, tornava infatti alla casa del padre monsignor Alfio Coco. Nativo di Ficarazzi, il giovane appena sacerdote fu inviato in tempo di guerra a seguire le anime trezzote ed a raccogliere la pesante eredità spirituale di don Salvatore De Maria che nella chiesa di San Giovanni Battista fu parroco tra l’800 e il ‘900.
 Il servizio parrocchiale di don Alfio Coco ad Acitrezza finì per raggiunti limiti di età nel 1992, quando al posto suo venne inviato il nipote don Salvatore Coco proveniente da Cosentini, ma durò fino alla fine dei suoi giorni perchè lui amò in maniera viscerale questo paese che ne ricambiò l’affetto sia durante tutto il ministero, che anche dopo, tributandogli un vero riconoscimento per la grande opera svolta nel tempo quando fu nominato monsignore da Papa Giovanni Paolo II.
 Sono stati questi i sentimenti che hanno animato la celebrazione eucaristica, presieduta nel pomeriggio in chiesa madre dallo stesso nipote del compianto parroco, concelebrata da don Giovanni Mammino, da don Salvatore Scuderi già vice parroco di Acitrezza, da don Marcello Zappalà e da don Orazio Greco che nel paese dei Malavoglia sono cresciuti a fianco di monsignor Coco, e dall’attuale vice parroco trezzoto don Anandraj Suripogula.
 Ad animare la Messa i gruppi parrocchiali ed il coro parrocchiale “Te Deum Laudamus” diretto dalla maestra Marisa Hili. Presenti anche il sindaco di Aci Castello Filippo Drago ed il suo vice Ezia Carbone.
 Nella sua omelia, don Salvatore Coco ha voluto ringraziare la comunità tutta di Acitrezza per il vivo ricordo che ancor’oggi mantiene di un sacerdote che per più di mezzo secolo ha guidato la realtà parrocchiale di Acitrezza con grande carisma, seminando frutti che nel tempo si stanno già cominciando a raccogliere.
 Sono proprio gli insegnamenti, ma anche le opere visibili, che monsignor Coco ha lasciato, il tema del saluto finale di padre Giovanni che ha voluto sottolineare il particolare attaccamento di monsignor Coco al paese di Acitrezza che, seppur lontano dalla sua vista negli ultimi anni, era sempre nei suoi pensieri così come il completamento dell’Oratorio, la crescita delle chiese di San Giovanni Battista e di Santa Maria La Nova, lo sviluppo del centro “Redentoris mater” di Zafferana Etnea, l’utilizzo del campetto parrocchiale e molte altre iniziative che egli stesso, spesso anche con fondi personali, aveva sostenuto insieme al sostegno spirituale e materiale dato nel tempo a numerose famiglie trezzote.
 Infine, l’intervento del sindaco Drago che invece si è soffermato sull’importanza di tramandare alle giovani generazioni e di conservare nella memoria storica del Comune una figura come quella di monsignor Alfio Coco, che si è tradotta nell’accoglimento da parte della Giunta comunale della richiesta di intitolazione di una via al sacerdote avanzata dalla Confraternita San Giovanni Battista, che ha così espresso il volere di numerosi trezzoti, ed autorizzata dal Prefetto di Catania Maria Guia Federico ringraziata dallo stesso primo cittadino.
 E proprio al termine della celebrazione, dopo la proiezione di un video sulla vita di don Alfio ideato da don Giovanni Mammino e montato dal regista trezzoto Angelo Fragalà, si è tenuta la cerimonia di intitolazione del già vico Chiesa, stradina che costeggia la navata laterale della chiesa madre trezzota, alla memoria di monsignor Alfio Coco.

 


 Acitrezza, 17 Marzo 2016


Il responsabile per la comunicazione
Bonaccorso Davide

AddThis Social Bookmark Button
 
Parrocchia San Giovanni Battista - Acitrezza - C. F. 81000990879 - (C) Tutti i diritti sono riservati. All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale
Progetto realizzato e donato da Agenzia Web